DI FRANCESCO: “Qualificazione importante, vittoria da grande squadra. Emozioni? Sto già pensando...

DI FRANCESCO: “Qualificazione importante, vittoria da grande squadra. Emozioni? Sto già pensando agli ottavi, non dobbiamo accontentarci”

SHARE

Queste le parole di Eusebio Di Francesco ai microfoni di Premium Sport dopo la vittoria per 1-0 contro il Qarabag e la conseguente qualificazione agli ottavi:

“E’ stata una grande vittoria e difficile. Non è mai facile vincere in Champions. Sono soddisfatto per il primo posto del girone, all’inizio tutti ci davano per eliminati ma i ragazzi hanno sempre messo in campo grande determinazione fin dalla prima gara con l’Atletico Madrid. Quella partita di sofferenza è stata l’inizio di questo grande cammino nel girone. La differenza è stata tra il primo e il secondo tempo. Nel primo tempo eravamo più bloccati, non ricreavamo mai le situazioni di vantaggio e volevamo tutti la palla sui piedi. Nella ripresa abbiamo fatto meglio poi nel finale abbiamo avuto un po’ il braccino anche perché qui a Roma non sono molto abituati a qualificarsi e a vincere in Champions. Le mie squadre devono sempre cercare il secondo gol, non mi piace il palleggio fine a sé stesso. I meriti sono del gruppo, io ho solo cercato di dare il mio pensiero, volevo entrare nella loro testa e credo di esserci riuscito: ma non mi accontento, c’è ancora molto lavoro da fare. Io ho sempre creduto a questa qualificazione, ho un mentalità positiva e propositiva: ho sempre creduto nel mo lavoro”.

DI FRANCESCO IN CONFERENZA STAMPA:
“Non dobbiamo accontentarci, qui a Roma spesso succede. Emozioni? Io già sto pensando agli ottavi, dobbiamo vivere con grandissimo entusiasmo questo momento, bisogna continuare a lavorare così. Non abbiamo giocato una grandissima partita, però le grandi squadre vincono anche soffrendo e lo abbiamo fatto con grande lucidità. Felicissimo per la notizia sullo stadio, spero di essere ancora a Roma quando sarà edificato. La catena di sinistra sta facendo molto bene, ma mi aspetto ancora meglio. Tutta la squadra può e deve migliorare, anche El Shaarawy è stato un giocatore importante da quella parte. Voglio parlare della squadra, tutto il gruppo aveva il desiderio di passare il turno, anche chi non ha giocato, la nostra grande crescita risiede in questo. Agli ottavi possiamo incontrare chiunque, chiaramente non è vero che una vale l’altra, ma a questo punto noi dobbiamo giocare con tutti con la stessa mentalità e non avere paura di nessuno”

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

*