Dino Viola, 27 anni dalla scomparsa del Presidente che cambiò la storia...

Dino Viola, 27 anni dalla scomparsa del Presidente che cambiò la storia della Roma (FOTO VIDEO)

SHARE

AMARCORD CGR – Il 19 gennaio del 1991, scomparve prematuramente all’età di soli 76 anni il compianto Presidente Dino Viola. Un lutto che colpì dritto al cuore l’emisfero romanista, dai calciatori ai dipendenti di Trigoria, ma anche se non soprattutto quel pubblico, che Viola amava definire “i miei ragazzi”. 

Con la morte del Presidente, si concluse di fatto l’era più importante della storia della Roma, che grazie alla lungimiranza, al coraggio, alla passione di Viola era riuscita ad “allontanare gli incubi e uscire dalla prigionia di un sogno” tricolore, poi tramutato in realtà dopo oltre 40 anni.


In 12 stagioni di reggenza violese, la Roma vinse 1 Scudetto, 4 Coppe Italia, conquistando tre secondi posti e due terzi posti in A, oltre ad una finale di Coppa dei Campioni che resta, tuttora, nonostante la dolorosa sconfitta ai rigori all’Olimpico, il momento più alto della storia giallorossa e certamente il tetto più elevato raggiunto nelle competizioni europee.

Tanti, tantissimi i campioni lanciati nel grande calcio e regalati ai tifosi giallorossi: Tancredi, Pruzzo, Falcao, Cerezo, Ancelotti, Bruno Conti, Nela, Boniek, Giannini per citarne solo alcuni, fiore all’occhiello della Roma di Viola, la Roma più forte di tutti i tempi.

Nils Liedholm ed Sven Goran Eriksson furono le due intuizioni in panchina, due svedesi totalmente diversi: il Barone con la sua ragnatela e uno stile di calcio elegante, fatto di possesso allo strenuo e di predominio territoriale quasi asfissiante; Eriksson fautore del calcio moderno, della zona e dell’intensità, con quello Scudetto sciupato all’ultimo respiro contro il Lecce in casa.

Una sfida storica durata quasi un decennio con la Juventus di Boniperti e Platini, gli sgarbi dialettici e sul mercato, gli errori arbitrali che condizionarono questa atavica antipatia, che ancora oggi alimenta l’acerrima rivalità tra giallorossi e bianconeri: “la Roma non piange e non piangerà, perchè piangono i deboli, i forti non piangono mai”.

All’Ingegner Viola – che da ragazzo andava a vedere la Roma a Livorno insieme alla signora Flora (sua futura moglie) pedalando in bicicletta per decine e decine di chilometri – si deve anche la primordiale idea della costruzione di un nuovo stadio di proprietà. Tentativo vanificato dalle opposizioni politiche e probabilmente anche calcistiche, che temevano la definitiva consacrazione della Roma nel novero dei top club italiani e europei.

Il 20 gennaio 1991, all’indomani dalla sua scomparsa, il pubblico giallorosso nella commozione assoluta ricordava all’Olimpico il suo amato presidente, con la Sud che gli dedicò diversi strisioni: “In 12 anni hai dato molto, eri tutto” – “Roma dai 7 colli tramanderà la storia di un uomo che da solo le ha dato tanta gloria” (Fedayn) – “Ci hai lasciato un vuoto incolmabile, Addio caro Presidente”.

Un ambiente talmente surreale, che la Roma perse contro il Pisa per 2-0, ma del risultato di quella partita non fregò, per una volta, nulla a nessuno…

Il presidente Viola stringe la mano al futuro capitano della Roma Francesco Totti, l’ultimo suo regalo ai giallorossi

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.