Il «piano» Anderson Nainggolan alla Totti

Il «piano» Anderson Nainggolan alla Totti

SHARE

Cosa ha lasciato in dote l’Europa? Le ideeDi Francesco ha riproposto attorno a Nainggolan e Schick trequartisti la nuova Roma «imperiale» post Barça, Inzaghi ha lanciato Felipe Anderson punta di movimento per dare un se- gnale anche alla sua squadra: attacchiamo per difenderci meglio, liberiamo da pesi psicologici il reparto arretrato sott’accusa di Salisburgo e spaventiamo i giallorossi.

Se Anderson nel primo tempo ha alternato con felice scelta per 20’ movimenti in profondità e sterzate attorno a Immobile, come fece a Kiev contro la Dinamo negli ottavi di finale di Europa League, Nainggolan si è preso la scena da trequartista nei primi 45’ lanciando alla Totti Bruno Peres nello spazio in un’occasione e iniziando la ripresa da unico suggeritore alle spalle di Dzeko e Schick, avanzato in posizione da seconda punta, fino al cambio con Ünder e all’ultima mossa El Shaarawy (nel momento in cui i giallorossi sono passati al 4-2-3-1). Quando poi Anderson è diventato prevedibile, Inzaghi ha inserito l’arma tattica Luis Alberto per invitarlo al dialogo con Milinkovic sulla trequarti […]. E contro questa Roma galvanizzata dalla superiorità numerica è stata fondamentale anche un’al- tra idea inzaghiana: cioè rinunciare a priori alle barricate. Pensiero ben interpretato da Marusic e dallo stesso Milinkovic nel finale…

Fonte: Gazzetta dello Sport

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.