Monchi: “Offerti più di 30 milioni più bonus, non rilanceremo per Mahrez....

Monchi: “Offerti più di 30 milioni più bonus, non rilanceremo per Mahrez. Strootman non si vende”

SHARE

Durante la presentazione di Alexandar Kolarov, è intervenuto anche il direttore sportivo Monchi. Queste le sue parole:

“Buongiorno e benvenuti a Siviglia, benvenuto a chi non è di Siviglia. Siamo qui per l’ultima presentazione, ma non in ordine di importanza, perché ritengo Alex un acquisto molto importante sia per personalità che qualità”.

Dopo la partita di ieri ha visto passi in avanti della squadra?

“Credo che stiamo progredendo, stiamo migliorando. L’amichevole di ieri mi ha lasciato le sensazioni migliori in termini di rendimento della squadra. C’è da migliorare, ma ci siamo avvicinando all’idea di calcio che chiede Di Francesco”.

Cosa pensa possa dare Kolarov? E’stata una trattativa veloce?

“Effettivamente è stato un accordo molto rapido, credo che sapesse del nostro interesse e anche lui voleva venire, quindi è stato facile. Penso possa dare tanto”.

Parliamo di Mahrez. Siete pronti a fare un’altra offerta?

“Nell’ultima conferenza stampa con Defrel ho detto che la Roma è arrivata ad un punto che consideriamo giusto, che era l’offerta più importante della storia della Roma, superiore ai 30 milioni di euro più bonus. La Roma non farà altre offerte, ha seguito la strada giusta, professionale e onesto parlando con il Leicester, la decisione dovrà essere loro. La palla è nel campo del Leicester, aspettiamo e speriamo e vagliamo anche alternative, ma la squadra al 90% è fatta”.

Considera rischioso iniziare la stagione con questa difesa?

“No. Il terzino destro si sta allenando con la squadra e non mi preoccupa, il rendimento di Bruno Peres è buono. A sinistra c’è Kolarov, ci sono anche Juan Jesus e Moreno che hanno ricoperto quel ruolo, non possiamo prendere altri calciatori. Per il resto della difesa sono contento, abbiamo argomenti sufficienti per affrontare l’inizio del campionato. Alla fine di queste due amichevoli valuteremo con il mister tutte le mosse da fare in ogni ruolo, ma io sono soddisfatto da ieri, non dal risultato ma dalla prestazione”.

Preoccupato dall’inflazione dei prezzi del mercato?

“Già commentai questa tendenza. Siamo entrati in una dinamica della quale non si vede la fine, ma quello che mi preoccupa non è la circostanza personale ma il generale, cioè se il calcio è in grado di reggere tutto ciò. Abbiamo una gallina dalle uova d’oro, non dobbiamo ucciderla”.

Continuano le voci su Strootman alla Juve. E’ arrivata un’offerta?

“Già l’ho detto nell’ultima conferenza stampa, non abbiamo interesse a parlare ne con la Juve ne con un altro club per Kevin, quindi non ci sono passi ulteriori da fare”.

Come ha vissuto la partita da ds della Roma?

“Era una partita speciale, era la prima volta che tornavo a Siviglia da avversario. Sensazioni oggettive da ds della Roma, è stata una bella partita tra le due squadre, i tifosi hanno omaggiato nel migliore dei modi Puerta”.

Roma e Siviglia sono attrezzate per giocare la Champions? La Roma può vincere?

“Entrambe le squadre hanno il potenziale per fare bene. Il presente si chiama Istanbul per loro, Bergamo per noi. Il sogno dei romanisti è vincere e sono qui per collaborare”.

Com’è stata la prima estate lontano da Siviglia? Ha parlato con Jesus Navas?

“E’ stata un’estate simile, vista la temperatura. Dal punto di vista professionale è stato lo stesso, ora cerco di fare del mio meglio per la Roma come fatto in passato per il Siviglia. il club mi ha accolto in modo straordinario, ho un ottimo rapporto con tutti. Per quanto riguarda Navas, ci ho parlato ieri e gli auguro tutto il meglio”.

Una valutazione sulla campagna acquisti e il precampionato del Siviglia.

“Non mi piace giudicare il lavoro degli altri. Sarebbe presuntuoso da parte mia parlarne, preferisco non rispondere”.

 

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

*