Pallotta tra Spalletti, obiettivi e stadio: “Spero che il mister resti, fondamentale...

Pallotta tra Spalletti, obiettivi e stadio: “Spero che il mister resti, fondamentale centrare la Champions” (VIDEO)

SHARE

Dopo il consueto giro alle televisioni nazionali, il presidente della Roma ha parlato anche in zona mista ai microfoni di cronisti, inviati delle radio e dei siti, tra cui quello di CGR. Ecco le parole e la traduzione delle stesse:

Monchi?
Chi? Perché dovrei dirvelo? Perché dovrei rivelare a voi le nostre strategie. Perché dovremo dire pubblicamente tutto quello che dobbiamo fare? Sto semplicemente spiegando che non ha senso per noi rivelare qualcosa che non abbiamo definito completamente.

Derby?
Ce la possiamo fare assolutamente. Vedendo come abbiamo giocato contro il Lione, potevamo segnare 5-6-7 gol, se ripetiamo quella prestazione e con un pizzico di fortuna in più ce la possiamo fare. So che andranno in campo carichi e determinati per riuscirci.

La partita di oggi?
Partenza un po’ lenta nel primo tempo, l’abbiamo visto tutti. Nella ripresa ci sono stati dei correttivi tattici ed è andata molto meglio. E’ bello vincere, siamo ancora al secondo posto con un margine confortante su Inter e Lazio. L’obiettivo è quello della Champions League e con un po’ di fortuna la Juve può fare qualche passo falso, è un campionato difficile quindi non si sa come può finire.

Colette ha lasciato…
Si gliel’ho chiesto io, è una persona per bene, molto brava ma non era molto efficace.

Rigore di Juve-Milan?
Se si parla del rigore dell’ultimo minuto di altre squadre preferisco non parlarne per non fare polemiche arbitrali.

Obiettivo?
Campionato e Coppa Italia. Per quanto mi riguarda l’obiettivo più importante è di raggiungere la Champions League, in termini di proventi è molto importante. Vogliamo vincere la Coppa Italia ma anche raggiungere la Champions.

Mercato di gennaio?
Quest’anno il mercato di gennaio, in generale, in Europa è stato deludente, ci sono stati pochissimi movimenti, è stata una tendenza in generale.

Spalletti?
Qual è la domanda? Spalletti ha detto che ho detto che c’è qualcosa di nuovo? Interessante. Ma dipende da lui. Faremo tutto quello che è giusto per la squadra, nel suo interesse. Quello che sto cercando di fare è migliorare la squadra e può capitare fare degli errori. Abbiamo già fatto degli errori? Si certo ma negli ultimi anni abbiamo centrato per due anni di fila la Champions poi abbiamo fatto i Preliminari. Abbiamo anche altre cose in corso, stiamo facendo un lavoro più che discreto, abbiamo avviato il discorso Stadio. Io sono la persona più autocritica di chiunque altro. Quel che faccio è sempre nell’interesse della squadra, sia per le operazioni di mercati, sull’allenatore, tutto quello che facciamo. Non posso rivelare quali sono le nostre strategie.

I biglietti, abbassare i prezzi può aiutare per riempire lo stadio?
Non credo che sia questa la questione, mi sembra un problema maggiore. Penso che giocando la domenica sera  ci sono tante persone che hanno bambini e che domani devono andare a scuola, non ci sono mezzi pubblici, non ci sono parcheggi vicini ed è effettivamente difficile. Anzi con tutti questi problemi mi sembra che abbiamo un pubblico fin troppo numeroso. In futuro avremo uno Stadio nostro, con un parcheggio adeguato, un luogo molto più accogliente per i tifosi. Credo che la stampa, la cosa migliore che potrebbe fare, è mettere pressione alle istituzioni per agevolare la realizzazione di questo Stadio che aiuterebbe anche la città.

Nuova Conferenza dei Servizi?
No, non c’è nessun motivo per aprirla, non c’è motivo di chiuderla e di aprirne una nuova. Siamo a posto con tutto, con i tempi.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

*