RIZZITELLI: “La Roma è forte, deve avere continuità. Legatissimo all’ambiente, sono un...

RIZZITELLI: “La Roma è forte, deve avere continuità. Legatissimo all’ambiente, sono un grande tifoso”

SHARE

ESCLUSIVA CGR – Tempo di dare continuità a risultati e prestazioni. La redazione di corrieregiallorosso.com ha intervistato in esclusiva Ruggiero Rizzitelli, grande ex della Roma (154 presenze e 29 gol) con due stagioni in maglia Torino (60 gare e 30 gol all’attivo). Proprio della gara di venerdì tra le due squadre e del momento romanista ci ha parlato l’ex attaccante, ora opinionista di punta di Roma TV:

Quanto sei rimasto legato all’esperienza con la Roma?

“Oltre che un ex calciatore sono rimasto soprattutto un grandissimo tifoso. In un certo senso sono gli stessi sostenitori della Roma a legittimare questo mio stato d’animo, perchè ancora oggi mi incontrano per strada e mi dicono di esser stato il loro calciatore ideale. Lo facevano già quando scendevo in campo, ma a maggior ragione ora che non sono più un calciatore in attività da anni, significa che qualcosa di buono l’ho fatto davvero”.

Un giudizio sulla stagione del Torino?

“Loro hanno fatto una squadra che ad inizio stagione aveva tutti i presupposti per lottare per un posto in Europa e tutt’ora hanno i calciatori per farlo. Certo l’esonero di Mihajlović sta a significare che qualcosa è andato decisamente storto, in primis la continuità, hanno vissuto di troppi alti e bassi. Comunque resta il fatto che hanno ottimi calciatori, quindi la Roma dovrà stare molto attenta, tornare a prima della splendida vittoria di Napoli e non pensarci troppo. Ma, soprattutto in vista della partita di Champions di martedì prossimo, non puoi non vincere, devi continuare sulla strada giusta, per non sprecare quanto di buono fatto al San Paolo. Serve carica emotiva per arrivare al meglio e giocarsela contro lo Shakhtar Donetsk, gara difficile ma che si può tranquillamente vincere e passare il turno”.

La chiave per battere il Torino di Mazzarri?

“Tanta attenzione e applicazione. La Roma può lottare per qualsiasi traguardo. Non siamo noi tifosi ad esserci costruiti castelli di carta, sono i calciatori ad averci illuso di poter vincere lo Scudetto. Prima della gara di Coppa Italia proprio contro il Torino, eravamo a 3 punti dalla Juventus con una gara in meno. Poi c’è stato il crollo, ma non siamo una squadra che può stare così tanto indietro in classifica rispetto ai bianconeri e al Napoli. Eravamo in corsa, poi il crollo, poi i quattro gol al San Paolo, è un problema di continuità, perchè le potenzialità ci sono tutte”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

*