Sponsor, la Roma precisa: “Accordo pagato in euro, 36 milioni garantiti in...

Sponsor, la Roma precisa: “Accordo pagato in euro, 36 milioni garantiti in 3 anni”

SHARE

La Roma per le prossime tre stagioni si è legata alla sponsorizzazione di DigitalBits, che sul petto dei giocatori ha preso il posto di Qatar Airways. L’accordo firmato dai giallorossi permette alla società di incassare “un valore complessivo di 36 milioni di euro“. Stando ai dettagli raccolti dal quotidiano sportivo nazionale però i corrispettivi dell’accordo con Zytara sono concentrati nella parte finale del trienno di accordo: 5 milioni nel 2021-22, 10 milioni nel 2022-23 e 21 milioni nel 2023-24.

Come riporta gazzetta.it, il minimo garantito a stagione è di 500mila euro, mentre tutto il resto è legato al mercato delle criptovalute. I giallorossi in questo modo seguiranno l’andamento del mercato virtuale che gli permetterà di incassare le cifre promesse o in alternativa qualcosa di meno. Una scommessa su cui i Friedkin sembravano titubanti, ma siccome non c’era alternativa alla fine è stato scelto di correre il rischio.


La società giallorossa ha voluto precisare quanto riportato oggi dalla Gazzetta dello Sport. Lo stesso sito della rosea riporta infatti che in realtà il corrispettivo del contratto è esclusivamente in Euro, come pure indicato nel comunicato price sensitive che la società, quotata in borsa, ha pubblicato in occasione dell’annuncio della partnership.

Inoltre, il corrispettivo minimo garantito che la ASR riceverà dallo Sponsor è equivalente all’intero valore del deal come comunicato al mercato. Infatti, i pagamenti dovuti da parte di Zytara/Digitalbits ai sensi del contratto sono protetti da un meccanismo tale da assicurarne la corresponsione in Euro, secondo le scadenze contrattualmente previste. Il contratto prevede altresì tipici meccanismi di possibile profit-sharing, ma tali meccanismi sono in aggiunta al minimo garantito, superiore a 35 milioni di Euro.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.