Mercato Roma, si rivede Bruno Peres

Mercato Roma, si rivede Bruno Peres

SHARE

CORSPORT- Talvolta queste lunghe storie di corteggiamento non approdano a nulla. Anche spesso. Oppure un fatto nuovo porta tutto allo scioglimento. Il fatto nuovo in questo caso è l’evoluzione del rapporto tra la Roma e il suo attuale direttore sportivo Walter Sabatini, che ha annunciato le dimissioni, resiste ai tentativi di dissuasione, aspetta la liberatoria che lo sganci dall’anno residuo di contratto e nel frattempo continua a lavorare, «orgogliosamente, operativo al cento per cento», sull’impostazione del mercato estivo. Della Roma, di chi altri? Ragionamenti. Significa che, se poi Sabatini se ne andrà davvero, vorrà comunque lasciare gran parte della minestra fatta per il successore. L’ingrediente che torna di moda a intervalli irregolari e di cui si torna a parlare in questo periodo, proprio a fagiolo visto che oggi c’è Roma-Torino, è Bruno Peres. Sabatini si muove sempre per tempo e non ha certo aspettato il celebre gol segnato nella scorsa stagione contro la Juventus e neppure l’eccellente prestazione del brasiliano contro la Roma nell’ultimo girone di andata per mettersi all’opera. Solo che poi ha dovuto riesaminare le priorità, Dzeko, Salah e cose simili. Siccome Bruno Peres non si è mosso da Torino l’occasione non è sfumata. E’ solo diventata più costosa da cogliere.

CONCORRENZA – Su Bruno Peres nel frattempo sono arrivate altre squadre, non di piccolo cabotaggio: l’Inter, ancora peggio il Paris Saint-Germain e il Bayern Monaco, anche alcune inglesi. Il direttore sportivo del Torino, Gianluca Petrachi, non ha nascosto nulla parlando a Radio Sportiva, perché non c’è niente da nascondere: «Il giocatore piace alla Roma, ma pure ad altre squadre italiane e a diversi club stranieri». In vena di frasi fatte, ha aggiunto che non c’è niente di concreto. Il che notoriamente significa poco. La Roma è tornata a interessarsi a quello che è il suo giocatore preferito nella rosa del Torino, ben sapendo quale sarebbe stata la risposta: 20 milioni, per cominciare, e poi vediamo se qualcuno offre di più. Di solito intorno a queste cifre si tratta, ma è pur vero che il Torino, ben messo dal punto di vista economico, è un osso duro da rodere. La Roma non vorrebbe sborsare più di 10 milioni, anche perché prevede di spenderne ben 9 per il riscatto, ad esempio, di Antonio Rüdiger. Il quale può giocare terzino destro e anzi forse sulla fascia si trova meglio. E’ probabile che le prossime prestazioni del tedesco influenzino e non da lontano la trattativa per Bruno Peres.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.