Roma, Pallotta ha deciso di aspettare Conte

Roma, Pallotta ha deciso di aspettare Conte

SHARE

CORSPORT- Vogliono Antonio Conte e lo vogliono appena uscirà dall’Europeo. Senza augurargli di cavarsela in fretta, sarebbe di cattivo gusto. Si muovono più i dirigenti dei calciatori, ultimamente. Walter Sabatini, Mauro Baldissoni, anche il presidente James Pallotta che sporgeva dallo schermo della videoconferenza per quanto era agitato. Hanno passato buona parte della sera di mercoledì a discutere sul da farsi. Tutti allo studio legale Tonucci & Partners, al centro di Roma, chi dal vero e chi in immagine digitalizzata dall’America. Non è finita lì. Ieri mattina la sezione italiana dell’As Roma era di nuovo in riunione. Stesso ordine del giorno, mentre l’allenatore Rudi Garcia preparava gli appunti per il discorso da tenere a una squadra sfibrata e affranta.

COLONNA – Non abbiamo deciso niente, brontolava Sabatini in coda ai vari round del match dialettico con la proprietà statunitense. Ma non è vero, qualcosa di fondamentale è stato deciso e consiste nel tenere la rotta già segnata da qualche settimana. Che parte dalla convinzione dell’esaurimento del ruolo di Garcia. E arriva a Conte. L’allenatore scelto per ricominciare, un’altra volta, come se a Boston e a Roma non provassero ormai disgusto a ripartire ogni tre anni dal nulla, costruendo daccapo un fragile castello di carte.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.