Roma-Real, Zidane: “Contento della prestazione, era una gara difficile. Qualificazione ancora a...

Roma-Real, Zidane: “Contento della prestazione, era una gara difficile. Qualificazione ancora a rischio”

SHARE

Queste le parole di Zinedine Zidane in conferenza stampa al termine del match vinto dal suo Real per 2-0 sulla Roma:

Ha avuto modo di parlare con Ronaldo? Vi siete detti qualcosa?
Sono contento per il suo gol perché tutti quanti si aspettano che segni. Sono contento per lui, per la squadra e per tutto il resto, non solo per il gol. Ha sbloccato una partita molto difficile che è migliorata molto nella ripresa.

La squadra aveva bisogno di un buon risultato in trasferta per interrompere una serie altalenante?
Non credo fosse proprio così comunque sarà sempre più difficile giocare fuori casa perché ci aspetteranno partite sempre più difficili. Oggi abbiamo avuto un inizio difficile ma poi siamo riusciti a migliorare nella ripresa. E’ più difficile fuori che al Bernabeu. Possiamo dire che è una partita importante. Contento della prestazione e del gol di Cristiano, ovvio, ma sono contento della prestazione di tutti perché siamo un gruppo ed è molto importante per il gruppo andare avanti tutti uniti.

Cosa ne pensa degli episodi su Florenzi ed El Shaarawy?
Non li ho visti, ho visto solo una partita complicata contro una buona squadra e questo lo sapevamo prima della partita. La prima parte della partita è stata molto complicata per noi mentre nella seconda abbiamo fatto meglio noi. Abbiamo fatto due gol anche se loro hanno avuto molte occasione non sono riusciti a farne quindi sono molto contento della prestazione e di essere riusciti a non subire gol

Con questo risultato il discorso qualificazione è chiuso?
No non è chiuso perché ci sta ancora una partita da giocare. E’ impossibile fare questi discorsi nel calcio. Era difficile vincere così e oggi ci godiamo questa vittoria. Credo che andremo a dormire tutti contenti ma già da domani dovremo pensare alla partita della Liga di domenica e dovremo pensare partita per partita.

E’ stato significativo l’abbraccio con Cristiano al gol ma anche con gli altri del gruppo?
L’ho fatto perché per me l’importante è la squadra, il gruppo. E’ chiaro che ci sta sempre uno che fa la differenza e sarà sempre così, oggi è stato il caso di Cristiano Ronaldo ad esempio. E’ importante il contributo di tutti quanti e vedere negli spogliatoi giocatori che non giocano incoraggiare gli altri che giocano. Quando si vince, vincono tutti quanti insieme. Oggi abbiamo vinto ma stiamo ancora all’inizio di un percorso.

A Madrid sarà piaciuto vedere come la panchina ha esultato al momento del gol, ricordava la stessa esultanza dopo il gol di Ramos che ha consegnato al Real la ‘decima’: buon auspicio per la finale di Champions League?
Il 28 maggio è ancora lontano, dobbiamo pensare prima alla partita di ritorno. Festeggiare così, tutti insieme, per un allenatore è una gioia e ovviamente vogliamo ripeterla quell’esultanza.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.