Stadio della Roma, riconosciuto il pubblico interesse. Marino: “Giornata memorabile”

Stadio della Roma, riconosciuto il pubblico interesse. Marino: “Giornata memorabile”

SHARE

PALLOTTA-MARINO

Ore 19:00 – E’ iniziata poco fa la riunione della Giunta in Campidoglio – con circa due ore di ritardo – per ratificare la delibera che darà il via libera al progetto dello stadio della Roma. Presenti anche i rappresentanti di As Roma

La dirigenza della Roma, rappresentata dal direttore generale, Mauro Baldissoni e Mark Pannes, responsabile della societa’ per progetto stadio, e il costruttore, Luca Parnasi sono arrivati in Campidoglio poco prima dell’arrivo del sindaco di Roma.

Ignazio Marino sta partecipando alla seduta della giunta che dovra’ votare la delibera di interesse pubblico legata allo stadio. Bocche cucite per i dirigenti che sono andati via poco prima dell’inizio della giunta e usciti dal Campidoglio evitando i cronisti.
(ansa)

Ore 20.00 – La riunione è terminata: la Giunta Capitolina approva il progetto all’unanimità .Il consiglio comunale di Roma ha infatti riconosciuto il pubblico interesse del progetto presentato dalla società giallorosa a Tor di Valle. Ora il progetto passa al vaglio della Regione Lazio che dovrà dare il via libera definitivo alla realizzazione dell’opera.

Ore 20.40 – Parla il Sindaco di Roma Ignazio Marino “Oggi è una giornata memorabile per la città. Paragonando a quanto detto dal Presidente del Consiglio Renzi ‘Sblocca Italia’, io adesso parlerei di uno ‘sblocca Roma’ questo grazie al lavoro dei consiglieri e degli assessori fatto durante il mese di agosto e durante la settimana di ferragosto abbiamo uno scenario diverso da sei mesi fa. Abbiamo approvato il bilancio a differenza della maggiorparte delle città italiane. Abbiamo un piano di rientro che riporta davvero rigore nell’equilibrio economico della città. Oggi quella che comunichiamo è una decisione importante non solo dal punto di vista economico e per i tifosi della Roma, ma anche per il metodo con la quale l’abbiamo accettata. In un primo momento avevamo ricevuto una offerta irricevibile, perchè un’amministrazione che ha deciso di investire molto sull’ambiente e sul trasporto su ferro non potevamo accettare che 70 mila persone arrivassero allo stadio su moto o in auto. Abbiamo detto di no e allora oggi abbiamo un modello diverso, un modello che sposta oltre il 60% delle persone su ferro per lo stadio e per gli eventi di spettacoli che il luogo ospiterà. Abbiamo una nuova possibilità per davvero insperata fino a qualche mese da per le persone che vivono nel quartiere Decima o Torrino che non avevano possibilità di spostamento agevole nella nostra città ed abbiamo dimostrato che con la schiena dritta ed il rigore con molta trasparenza e un lavoro di una squadra di maggioranza abbiamo oggi un lavoro straordinario. Tra poco aprirà uno dei più grossi cantieri della nostra penisola e avremo anche non solo lo stadio, un nuovo trasporto su ferro ma avremo anche un nuovo parco di 34 ettari che non avremo mai avuto, in sicurezza, video-sorveglato per essere vissuto in qualunque ora del giorno e della notte. E poi abbiamo imposto che non si aprirà lo stadio, non si giocherà la prima partita, finchè non saranno ultimate tutte le opere pubbliche attorno all’impianto”

NO COMMENTS

Comments are closed.